Fate attenzione, vegliate, perchè...

GesuPastore.... non sapete quando arrivo!

E' questo che Gesù ci dice, come se ci volesse fare una sorpresa.
Quasi a scherzarci ce lo dice, perché ci vuole tenere sempre pronti per quando arriva, come se fosse una festa.
Anche quando sta lontano da noi, non fa altro che pensarci, e il suo pensiero è sempre lì da noi:
… cosa stiamo facendo… come ci stiamo trovando senza di lui… quando potrà tornerà da noi…

Tanto forte è il desiderio che ha di tornare, che non gl’importa di venirci a trovare
anche durante la notte, perché non vede l’ora di vederci, e di tornare ad abbracciarci.
È il suo cuore grande che pensa così, e che nonostante le tante cose che ha da fare, non si dimentica mai dei suoi figli, che sono la sua più grande gioia, e tutto il resto lo fa perché lo deve fare.

Il padrone di casa è il nostro Dio, è Gesù, e lui deve tornare quando vuole.
E noi dobbiamo essere sempre pronti ad accoglierlo:
a dirgli com’è andata, cosa ha fatto, che cosa ci racconta di bello, che cosa ha portato per noi.

Non vogliamo farlo aspettare, non vogliamo addormentarci: non è giusto per nostro Padre.

È bello invece sentire che Lui ci ami già dall’alba, già da quando canta il gallo.
È bello vederlo rientrare nella nostra vita, venirci incontro.
È bello ricominciare la nostra giornata insieme a lui, sentirlo di nuovo a casa
e vedere che la casa si è di nuovo riempita, perché lui è tornato.

Per questo dobbiamo tenerci pronti, non possiamo distrarci, dobbiamo essere pronti e sorridenti per quando arriva, come piace a lui. E dobbiamo essere sempre felici, perchè lui torna da noi.
Le altre cose non sono così importanti: la cosa che conta è che noi siamo pronti ad accoglierlo,
e che facciamo di tutto perché questo accada.

E questa è la cosa bella, e che ci riempie di gioia: che Dio che ci sta aspettando, e che non vede l’ora d’incontrarci.

                                                                                                                                                                    Fabrizio Namia