VI DO LA MIA PAROLA

 

 



L
a Giornata Ministranti è ormai un appuntamento annuale, che si è sempre più consolidato nel tempo. L’incontro con i ragazzi della nostra diocesi, che svolgono il servizio all'altare, è sempre un momento di gioia condivisa. 
Questa giornata porta alla mente e al cuore di tanti seminaristi, che prima l'hanno vissuta da ministranti e oggi la vivono da organizzatori, i germi della propria vocazione. Il tema nazionale, «Ti do la mia parola», ha voluto mettere al centro della riflessione la parola di Dio. La stessa parola che per noi cristiani non è rimasta voce, ma si è incarnata in Cristo Gesù. Giornata ministranti 2019

Dopo una festosa accoglienza i giovani chierichetti, divisi per fasce d'età, hanno ripercorso la storia della salvezza seguendo un percorso biblico che va dalla Genesi ai Vangeli. Nei vari gruppi si è cercato di far riflettere i ragazzi sul modo in cui Dio parla al cuore dell'uomo e su come la Sua Parola genera conversione.

Al termine delle attività, i ministranti si sono disposti in due lunghe file per il corridoio per accogliere con giubilo il nostro arcivescovo, padre Giuseppe. Egli con paterna bontà ho parlato con i chierichetti soffermando la sua attenzione sulla fiducia che si deve a Dio che parla e comunicando con l'uomo rimane fedele alla parola data. Giornata ministranti 2019 1

A seguire la Santa messa presieduta dal nostro rettore, don Sasà, che, commentando il Vangelo del giorno ha posto l'attenzione sull'amore di Dio, che ama senza nulla chiedere! La giornata si è conclusa, dopo il pranzo, con il «Grande Gioco» ed il rinnovo dell'appuntamento per l'anno venturo.