TEMPO DI QUARESIMA 2017

Introduzione Quaresima 2017“Ritornate a me con tutto il cuore”. (Gl 2,12)

Arriva puntuale uno dei tempi liturgici più profondi e importanti della vita della Chiesa: la Quaresima.

Un tempo per riscoprire e vivere in modo impegnativo la quotidianità, riscoprendo la bellezza di essere discepoli.
Don Tonino Bello, Vescovo, direbbe: “Cenere in testa e acqua sui piedi. Tra questi due riti, si snoda la strada della quaresima. Perché si tratta di partire dalla propria testa per arrivare ai piedi degli altri”.

Tutto l’essere viene coinvolto e abbracciato dalla Misericordia di Dio che non desidera altro che incontrare l’uomo per esprimergli tutto l’amore che da sempre e per sempre ha pensato per lui. E’ un tempo per amare, ma soprattutto per lasciarsi amare dalla testa ai piedi, da tutto ciò che ci vede responsabili e guide a tutto ciò che ci mette al servizio del prossimo.

Ci sono diversi elementi che caratterizzano il cammino quaresimale, e tutti sono degli strumenti preziosi per contemplare il Signore e rimetterci in cammino con Lui.
E’ necessaria una conversione che mostra la bellezza di essere discepoli, che esprime la sete di una Parola.

Un Silenzio che non è assenza di parole ma il fascino di un Altro che entra nella mia vita e la cambia. Chi ascolta in un profondo silenzio interiore sta accogliendo una Parola, sta accogliendo Gesù stesso.

Una penitenza che è l’esercizio della libertà interiore, crescere nella nostra identità umana, in Cristo, nel Padre. E’ essenziale un digiuno che diventa professione di fede, il voler gustare la bellezza del Divino. Non mangio per gustare qualcosa di sublime, di ineffabile.

E’ possibile vivere tutto questo se i miei passi iniziano a profumare di Carità, quell’Amore capace di mettere l’altro sulle mie spalle, facendomi prossimo quando alle mie orecchie giunge il grido di aiuto del fratello.

Ci doni il Signore di riconoscerlo nei crocifissi che incontriamo, lungo le strade e i luoghi che abitiamo. Ci doni la Fede e la Pace.. il resto sarà dato in più!

 

                                                                                                                                                                   Michele D’Agostino